Domenica, 23 Feb 2020
You are here: Home
Rassegna Giovani promesse in musica 2015 22.03.2015 PDF Stampa E-mail

 

Marzo 2015: Musica in Libreria
Rassegna “ Giovani promesse in musica”
Libreria Palazzo Roberti - Sala degli Affreschi, ore 17.30
Bassano del Grappa, via J. Da Ponte, 34

 

 

Domenica 22 marzo 2015 – ore 17.30
MÓNIKA MINÁR, Chitarra
“Dedicato alle signore della chitarra”

 

TERESA DE ROGATIS
(1893-1979)
Mormorio della foresta

IDA PRESTI
(1924-1967)
Segovia

JOHN W. DUARTE
(1919-2004)
Idylle Pour Ida - Hommage à Ida Presti

TERESA DE ROGATIS
Sonatina-"Quasi una fantasia"

FRANCIS POULENC
(1899-1963)
Sarabanda à Ida Presti

MAURO GIULIANI
(1781-1829)
Grand Ouverture

FRANCISCO TÀRREGA
(1852-1909)
Capriccio Arabo

VIHULA MIHAJLO
(1981)
Rapsodia Ungherese - dedicato a Monika Minár

 

 
Very Simple Image Gallery:
No images found in folder /web/htdocs/www.amicimusicabassano.it/home/images/stories/Concerti/2015.03.22/
 


MÓNIKA MINÁR (Budapest, 1989) inizia lo studio della chitarra classica a 9 anni sotto la guida di Topa Zoltánné. Trasferitasi a Kazincbarcika (Ungheria) continua con Anita Balogh. Nel 2004 è ammessa al Liceo Musicale Béla Bartók di Miskolc, dove studia con il m° Sándor Papp. È stata premiata per i suoi risultati sullo strumento al premio “Nívo” ed ha vinto la medaglia d’argento al “II Kálmán Imre Competition of Art” nel 2008. Nel 2008 viene ammessa al conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto dove, sotto la guida del m° Gianfranco Volpato, consegue nel 2011 il diploma di primo livello; nello stesso anno risulta vincitrice della borsa di studio “Zambon” e nel 2012 vince nella sua categoria il 4° “Concorso Internazionale Giovani in Musica” della Città di Treviso. La “Rapsodia Ungherese” le è stata dedicata dal compositore ucraino-ungherese Mihajlo Vihula.

 

Per scaricare le note di sala del concerto, clicca qui.

 

 

 

 

 
19 marzo 2015 PDF Stampa E-mail

 

 

 

19 marzo 2015 – Teatro Remondini, ore 21.00

 

STEEL WIND(Chamber saxophone quartet)

MARCO VANNI, sax soprano/tenore; MILO VANNELLI, sax contralto/baritono; 
ANDREA LUCCHESI, sax tenore/soprano; ROBERTO FRATI, sax baritono e band leader

CARTOON FANTASY

Con proiezione di spezzoni di  film di Walt Disney; arrangiamento musicale a cura degli interpreti.

 

Lo schiaccianoci 
(Pjotr I. Čajkovski)

Danza delle ore
(Amilcare  Ponchielli)

Una notte sul Monte Calvo
(Modest  P. Mussorgski)

Ave maria
(Franz Shubert)

Mickey mouse march
(Jimmie Dodd )

Il cerchio della vita
(Elton  John)

Under the sea
(Alan Menken)

Ehi-ho
(Frank  Churchill)

A Whole new World
(Alan  Menken)

Beauty and the Beast
(Alan  Menken )

The Aristocats
(Richard e Robert Sherman)

Ev’rybody wants to be a Cat
(Al Rinker)

The bare Necessities
(Terry Gilkyson)

Cruella de Vil
(Mel Leven)

Who’s afraid of the big bad wolf?
(Frank Churchill)

Once upon a Dream
(Sammy  Fain)

Bibbidi-bobbidi-boo
(Mack David)

A Dream is a Wish your Heart makes
(Mack  David)

Give a little whistle
(Leigh Harline)

Some day my Prince will come
(Frank  Churchill)

 

 

 

STEEL WIND è il risultato di un percorso musicale che nasce nel 1983 come sperimentazione di quattro musicisti legati dalla medesima esigenza di poter esprimere la loro indole “non purista”. E’ proprio per questo motivo che, con Steel Wind, il saxofono diventa uno strumento senza tempo, con una sonorità e una timbrica che gli permettono di spaziare in ogni genere e epoca musicale. Alla base una solida preparazione classica e l’esperienza con grandi direttori come Chung, Muti, Berio, Prêtre, Bartoletti, Bychkov, Mehta, Leitner…..con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’ORT della Toscana, l’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino. Poi l’incontro con la musica contemporanea e quindi gli anni del “Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano” di Henze e l’avanguardia di Globokar. In seguito prende forma un progetto dedicato al rock progressivo degli anni 70 che ha riscosso un incredibile successo di critica e pubblico. Originalità, trasgressione e versatilità hanno portato il gruppo ad aggiudicarsi premi prestigiosi quali: A.Piazzolla di Castelfidardo, Kawai di Tortona, Rospigliosi, Sanguinetto, Riviera del Conero, Ufam di Parigi, Rovere d’Oro, Perugia Classico. I componenti della formazione hanno inciso per: Nuova Era, Amiata Records, Pentaphon, Videoradio, Le Vele, Forrest Hill Records, Rain Records, Hit Records, ONK Music, EMA Records. Tutti gli arrangiamenti sono degli Steel Wind. 


 

 

 

 

 

 
Rassegna Giovani promesse in musica 2015 15.03.2015 PDF Stampa E-mail

 

Marzo 2015: Musica in Libreria
Rassegna “ Giovani promesse in musica”
Libreria Palazzo Roberti - Sala degli Affreschi, ore 17.30
Bassano del Grappa, via J. Da Ponte, 34

 


Domenica 15 marzo 2015 –ore 17.30
FRANCESCO ZANCHETTA violino, GABRIELE M. VIANELLO pianoforte.

 

JOHANN S. BACH
(1685-1750)
Adagio dalla Sonata n. 3 BWV 1005

GIUSEPPE TARTINI
(1692-1770)
Sonata il sol min. “Trillo del diavolo”

ANTONÍN DVOŘÁK
(1841-1904)
Quattro pezzi  romantici

MAURICE RAVEL
(1875-1937)
Zigane

ERNEST CHAUSSON
(1855-1899)
Poème

 

 

 

FRANCESCO ZANCHETTA è nato a Venezia nel 1996. Frequenta il VII corso di violino al conservatorio Benedetto Marcello di Venezia sotto la guida del M° Roberto Zedda. Nel  2013 vince un concorso indetto dal conservatorio della città che gli dà l’opportunità di suonare la Tzigane di Ravel accompagnato dall'orchestra del Teatro La Fenice.

 


Per scaricare le note di sala del concerto, clicca qui.

 

 

 

 

 

 

 
Rassegna Giovani promesse in musica 2015 PDF Stampa E-mail

 

Marzo 2015: Musica in Libreria
Rassegna “ Giovani promesse in musica”
Libreria Palazzo Roberti - Sala degli Affreschi, ore 17.30
Bassano del Grappa, via J. Da Ponte, 34

 

Domenica 8 marzo 2015 ore 17.30
PIERO FRANCESCHETTO, pianoforte.

 

JOHANN SEBASTIAN BACH
Variazioni Goldberg BWV988

 

PIERO FRANCESCHETTO, classe 1992, intraprende a 4 anni lo studio del pianoforte. All'età di 7 anni viene ammesso presso il Conservatorio di Vicenza, dove studia con il M° Anselmi, fino al 2004. Prosegue gli studi con la prof.ssa Cristina Stella. Supera con il massimo dei voti l'esame di Compimento Medio, e dal settembre 2009 decide di proseguire gli studi sotto la guida del M° Somenzi, presso il Conservatorio di Venezia. Si diploma nell'ottobre 2011 con il massimo dei voti e in seguito frequenta il Biennio sperimentale di secondo livello, sempre sotto la guida del M° Somenzi. 
  

 


Domenica 15 marzo 2015 –ore 17.30
FRANCESCO ZANCHETTA violino, GABRIELE M. VIANELLO pianoforte.

 

JOHANN S. BACH
(1685-1750)
Adagio dalla Sonata n. 3 BWV 1005

GIUSEPPE TARTINI
(1692-1770)
Sonata il sol min. “Trillo del diavolo”

ANTONÍN DVOŘÁK
(1841-1904)
Quattro pezzi  romantici

MAURICE RAVEL
(1875-1937)
Zigane

ERNEST CHAUSSON
(1855-1899)
Poème

 

 

 

FRANCESCO ZANCHETTA è nato a Venezia nel 1996. Frequenta il VII corso di violino al conservatorio Benedetto Marcello di Venezia sotto la guida del M° Roberto Zedda. Nel  2013 vince un concorso indetto dal conservatorio della città che gli dà l’opportunità di suonare la Tzigane di Ravel accompagnato dall'orchestra del Teatro La Fenice.

 

 

Domenica 22 marzo 2015 – ore 17.30
MÓNIKA MINÁR, Chitarra
“Dedicato alle signore della chitarra”

 

TERESA DE ROGATIS
(1893-1979)
Mormorio della foresta

IDA PRESTI
(1924-1967)
Segovia

JOHN W. DUARTE
(1919-2004)
Idylle Pour Ida - Hommage à Ida Presti

TERESA DE ROGATIS
Sonatina-"Quasi una fantasia"

FRANCIS POULENC
(1899-1963)
Sarabanda à Ida Presti

MAURO GIULIANI
(1781-1829)
Grand Ouverture

FRANCISCO TÀRREGA
(1852-1909)
Capriccio Arabo

VIHULA MIHAJLO
(1981)
Rapsodia Ungherese - dedicato a Monika Minár


MÓNIKA MINÁR (Budapest, 1989) inizia lo studio della chitarra classica a 9 anni sotto la guida di Topa Zoltánné. Trasferitasi a Kazincbarcika (Ungheria) continua con Anita Balogh. Nel 2004 è ammessa al Liceo Musicale Béla Bartók di Miskolc, dove studia con il m° Sándor Papp. È stata premiata per i suoi risultati sullo strumento al premio “Nívo” ed ha vinto la medaglia d’argento al “II Kálmán Imre Competition of Art” nel 2008. Nel 2008 viene ammessa al conservatorio A. Steffani di Castelfranco Veneto dove, sotto la guida del m° Gianfranco Volpato, consegue nel 2011 il diploma di primo livello; nello stesso anno risulta vincitrice della borsa di studio “Zambon” e nel 2012 vince nella sua categoria il 4° “Concorso Internazionale Giovani in Musica” della Città di Treviso. La “Rapsodia Ungherese” le è stata dedicata dal compositore ucraino-ungherese Mihajlo Vihula.

 

 

Domenica 29 marzo 2015 – ore 17.30
PENELOPE BERTOLO, violino; LISA BULFON, viola;
EMMANUELE PRATICELLI, violoncello; MARIA MARCHIORO, pianoforte

 

ENRIQUE GRANADOS
(1867-1916)
Ocho valses poeticos per pianoforte

ROBERT SCHUMANN
(1810-1856)
Quartetto per pianoforte e archi in Mi bemolle maggiore Op. 47
 
PENELOPE BERTOLO, nata in Svizzera nel 1991, ha iniziato gli studi musicali al Conservatorio di Castelfranco V.to, dove si è diplomata brillantemente sotto la guida del M° G. Fava. Ha partecipato a varie masterclasses di perfezionamento con diversi insegnanti tra cui Eliseo Baldizzi, Dmitri Shishlov e Markus Placci. Svolge un’intensa attività cameristica in formazioni di vario genere, dal duo all’orchestra d’archi, che l’ha portata ad esibirsi anche per il Teatro Olimpico di Vicenza. Ha suonato con alcuni tra i più importanti solisti italiani, tra cui Enrico Bronzi e Marco Gerboni e ha partecipato a spettacoli con figure di spicco come il regista Nanni Moretti.
LISA BULFON, nata nel 1993, si avvicina alla musica con lo studio del pianoforte, per poi proseguire con la viola presso il Conservatorio di Udine. Attualmente frequenta il 10° anno al Conservatorio ”Arrigo Pedrollo” di Vicenza, nella classe del M.o Davide Zaltron.. Da gennaio ad aprile 2014 ha partecipato al “Progetto Orchestra”, del M.o Leon Spierer a Vicenza. Ha registrato per RAI e Amadeus. Dal 2010 fa parte della “Benacus Chamber Orchestra” di Malcesine (Vr).
EMMANUELE PRATICELLI. Iniziato lo studio del violoncello con Sergio Tosello, prosegue gli studi con Emanuele Silvestri, primo violoncello dell'Orchestra del Gran Teatro La Fenice, e si diploma al Conservatorio di Castelfranco Veneto (TV) sotto la guida di Vittorio Ceccanti. Ha svolto attivita di "Ensemble di violoncelli" in Conservatorio coordinata da Walter Vestidello, affrontando il repertorio originale per questa formazione (Bachianas Brasileiras di H. Villa-Lobos) in numerosi concerti. Dal 2010 è primo violoncello solista dell'orchestra da camera Benacus Chamber Orchestra  di Malcesine (VR).
MARIA MARCHIORO (1982) Inizia lo studio del pianoforte privatamente all'età di 9 anni. Viene successivamente ammessa nella classe di pianoforte del M° Daniele Roy al Conservatorio di Musica “Cesare Pollini” di Padova. Nel 1993 vince il suo primo concorso provinciale come solista presso l'istituto “Gregorio Barbarigo” di Padova e l'anno successivo il concorso nazionale di Stresa. Si occupa di progetti propedeutici per la Scuola dell'Infanzia e la Scuola Primaria. Sta concludendo il Biennio Specialistico in Musica da Camera presso il Conservatorio Statale di Musica “Arrigo Pedrollo” di Vicenza, sotto la guida del M° Stefania Redaelli.

 

 

 

 

 

 
Il Quartetto Maffei e il romanticismo russo PDF Stampa E-mail

 

QUARTETTO MAFFEI

Marco Fasoli: violino; Filippo Neri: violino;
Giancarlo Bussola: viola; Paola Gentilin: violoncello

 

Pjotr I. Ciajkovskij (1840-1893)
Quartetto n. 1 in re magg. op. 11 (1871)
Moderato e semplice – Andante cantabile – Scherzo (allegro non tanto e con fuoco) – Trio - Finale (allegro giusto- allegro vivace)

Aleksàndr P. Borodin (1833-1887)
Quartetto n. 2  in re magg. (1881):  Allegro moderato – Scherzo –
Notturno -- Finale Andante – Vivace

 
Giovedì 19 febbraio  alle ore 21 presso il Teatro Remondini di Bassano del Grappa per gli Amici della Musica “Giorgio Vianello” si esibirà – in luogo dell’annunciato QUARTETTO DELLE MARCHE, impossibilitato a partecipare per un infortunio subito da uno dei suoi componenti - il QUARTETTO MAFFEI, già ospite della Città qualche anno fa, formato dai musicisti veronesi Marco Fasoli e Filippo Neri (violini), Giancarlo Bussola (viola) e Paola Gentilin (violoncello). Impegnativo ma di grande valore musicale il programma proposto al pubblico bassanese: il Quartetto in re maggiore Op 11 di Pjotr I. Ciajkovskij ed il Quartetto n 2 in re maggiore di Alexander Borodin, due meravigliosi esempi del romanticismo cameristico russo: la scuola di Mosca a confronto con quella dei famosi "Cinque" di Pietroburgo.

Il Quartetto Maffei, costituitosi nel 2000, ha svolto un'intensa attività  concertistica. Si è dedicato oltre al repertorio di quartetto anche a  formazioni allargate dal quintetto fino all'ottetto. Promuove una stagione al Foyer del Teatro Nuovo di Verona, giunta alla quarta edizione, dove ha suonato con musicisti quali Alejandro Biancotti,  Alberto Nosè, Alberto Rasi, Olaf J. Laneri. Con quest'ultimo ha appena realizzato un CD dove ha registrato i quintetti di Schumann e Shostakowisch.  I suoi componenti si sono perfezionati con Maestri quali, De Rosa, Flaksman, Giuranna, Ricci, Vernikov, Hoffman, Schiller. Hanno al loro attivo partecipazioni concertistiche con musicisti internazionali di chiara fama quali A. Blau, S. Behrend, Canino, Giuranna, Carmignola, Gutman, Alirio Diaz che li hanno portati ad esibirsi, oltre che in Europa, in America Latina e  Medio Oriente. Hanno registrato per la RAI, inciso CD per Sipario e Nuova Era e Accademia. Il quartetto deve il nome al veronese Scipione Maffei (Verona 1675 - 1755), erudito e drammaturgo che contribuì alla rinascita del teatro tragico italiano. A Scipione Maffei è dedicata una sala attigua al Teatro Filarmonico dove suonò anche W. A. Mozart.

 

 

 

 
« InizioPrec.11121314151617181920Succ.Fine »

Pagina 16 di 33