Lunedì, 16 Lug 2018
You are here: Home > Giovani promesse in musica 2011
Rassegna Giovani promesse in musica 2010 PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Aprile 2010 22:14

 

Marzo 2009
Rassegna “GIOVANI PROMESSE IN MUSICA”
Libreria Palazzo Roberti, Bassano, via J. Da Ponte
Sala degli Affreschi

Domenica, 7 marzo 2010 ore 17.30
ANTONINA-TEA SALA, pianoforte

LUDWIG VAN BEETHOVEN    Sonata op.31 n.2 in re minore
(1770-1827)    Largo, Allegro – Adagio - Allegretto

FRYDERIK CHOPIN    Polacca op.44 in  fa diesis minore
 (1810-1849)                  Scherzo op.31, n 2 si bemolle minore

ALEKSANDR SKRJABIN    Sonata n. 9 op. 68 “Messa Nera”
 (1872-1915)

 

ANTONINA-TEA SALA, nata a Kragujevac, Serbia, nel 1986, inizia lo studio del pianoforte giovanissima, all’età di cinque anni. Diplomata presso la scuola di musica statale “Miloje Milojevic” con il massimo dei voti e lode, si iscrive all’Accademia d`Arte di Novi Sad con una borsa di studio della Repubblica Serba, dove studia con prof. Svetlana Bogino.Il suo percorso musicale prosegue in Italia con il pianista Massimo Gon, presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Nel 2008 vince la prestigiosa borsa di studio della Banca Svizzera per la partecipazione al Monaco Music Master-BSI 2008, e rientrando fra i cinque finalisti scelti a livello internazionale può accedere al prestigioso progetto organizzato da Fondazione Martha Argerich, Fondazione di Sua Maestà Principe Ranieri e Orchestra filarmonica di Monte Carlo, nell’ambito della quale si perfezionava con Stephen Bishop Kovacevich. Antonina Tea Sala si aggiudica oltre venti riconoscimenti in diversi concorsi pianistici nazionali ed internazionali, vincendo il primo premio all’International Grand Prix Ginevra 2000, al Concorso J.S.Bach di Belgrado, al Concorso musicale Europeo di Moncalieri, al Concorso Internazionale Jacopo Linussio 2008 di Tolmezzo, al Premio Maria Grazia Fabris di Trieste, al Concorso Internazionale Gradus ad Parnassum promosso in Serbia. Si è già esibita per importanti Associazioni musicali in Serbia ed all’estero, partecipando anche al Festival di musica contemporanea di Milano 2008, all’EPTA Festival di Belgrado, al Mittelfest di Cividale del Friuli, “Primavera pianistica”, Belgio. Nel 2005 ha meritato il riconoscimento “Solista di AUNS”. Ha registrato per Radio Vaticana, Radio Francia, Radio Monte Carlo, per la Radio-televisione serba, e per la RAI - Radio-televisione italiana.

 

Domenica, 14 marzo 2010, ore 17.30
Libreria Palazzo Roberti, Bassano, via J. Da Ponte
Sala degli Affreschi

LAURA BORTOLOTTO, violino; MARTA MARINELLI, arpa


NICCOLÒ PAGANINI  Sonata n° 1 dal "Centone di Sonate", per violino e arpa
(1782-1840)   Introduzione - Allegretto maestoso - Tempo di marcia - Rondoncino
DOMENICO  SCARLATTI    Pastorale (trascr. H. Reniè)
(1685-1757)     Allegrissimo dalla IV°  sonata (trascr. H. Reniè)
    (arpa sola)
MARCEL  TOURNIER   La danse du moujik, per arpa sola
(1879 – 1951)
BELA  BARTÒK    15 Danze ungheresi, per violino e arpa
(1881-1945)
EUGÈNE YSAYE   Sonata n° 2 la min, per violino solo
(1858-1931)   Preludio: “Obsession”: poco vivace.
    Malinconia: poco lento.
    Sarabanda: danza delle ombre.
    Le furie: allegro furioso
CAMILLE SAINT SAENS   Fantaisie Op. 124, per violino e arpa
(1835-1921)

 LAURA BORTOLOTTO ha quattordici anni e recentemente si è diplomata al Conservatorio "G.Tartini" di Trieste con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale di merito. Studia fin dall'età di quattro anni con il maestro Domenico  Mason e si perfeziona con  Pavel Vernikov presso la scuola di Fiesole, e con Caterina Carlini presso l'Accademia Violinistica "Zinaida Gilels"  di San Vito al Tagliamento. Ha partecipato anche a corsi estivi e masterclass in Italia, Austria e Israele seguendo le lezioni dei maestri Fucks, Semchuk, Accardo, Rachlin, Volochine e Martin. Ha ottenuto numerosi primi premi e riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali tra cui: Concorso internazionale dell’Adriatico ad Ancona, Concorso “B.Padovano” a Senigallia, Prima Competizione Mondiale di Violino a Brentonico (TN); Concorso internazionale "Spincich" di Trieste, Rassegna Nazionale d'Archi di Vittorio Veneto, "Il Piccolo Violino Magico" a Portogruaro (VE), Concorso internazionale "Città di Pieve di Soligo", Concorso internazionale Postacchini di Fermo, Concorso Europeo Marcosig di Gorizia. Si è esibita come solista, con numerose orchestre tra cui: Deutsche Kammerorchester Berlin, Orchestra  Nazionale dell'Ucraina, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Busoni di Trieste, Orchestra Solisti in Villa dell'Associazione Culturale Altoliventina XX Secolo di Prata di Pordenone, Orchestra dell'Accademia Naonis di Pordenone, Orchestra dell'Adriatico, Orchestra dell'Accademia Violinistica "Zinaida Gilels". Ha tenuto concerti nell'ambito del festival "Assisi nel mondo" , festival "Fantasie 2008" di Portogruaro (VE), "Cuprafestival 2009", "Altolivenza Festival", in diverse località delle Marche e  nelle città di  Cosenza, Padova, Duino, Trieste, Milano, Berlino e Kiev.
Suona un violino Raffaele Calace del 1916.

MARTA MARINELLI, studia l’arpa alla scuola della professoressa Patrizia Tassini, nel Conservatorio Jacopo Tomadini di Udine. A 15 anni ha raccolto riconoscimenti in concorsi e rassegne nazionali e internazionali: nel 2004 1° premio assoluto al concorso internazionale di Fusignano (RA) e 1° premio al concorso internazionale di Arenzano (GE), premio speciale della Provincia di Udine al concorso internazionale “Giovani talenti” di Povoletto (UD), dove ha ottenuto nel 2006 anche il 1° premio assoluto; nel 2005 1° premio assoluto alla rassegna nazionale “Città di Ravenna” e 1° premio assoluto al concorso internazionale “G. Viozzi” di Trieste. Ha anche preso parte alle rassegne musicali “Giovani arpisti” di Padova e Gorizia, dove ha ottenuto diversi premi speciali. Nello stesso anno il suo talento si è affermato al concorso nazionale della Società Umanitaria di Milano, dove Marta ha vinto una borsa di studio, affiancata a 3 concerti premio da tenersi per importanti istituzioni musicali italiane. Nel 2006 ha vinto il I° premio assoluto al Concorso Internazionale di Belgrado (Serbia) e il 1° premio al Concorso Albisetti di Milano.
Sempre nel 2006 ha ottenuto a Roma il 2° premio nella 14ma edizione del TIM (torneo internazionale di musica) e il primo premio assoluto nella categoria “excellence” al concorso internazionale Godefroid a Namur in Belgio. Sempre nello stesso anno ha eseguito il concerto per arpa e orchestra Op. 6 n° 1 di M. M.  Marin, con l’orchestra “La Rejouissance” del Triveneto diretta dal Maestro Elisabetta Maschio. Nella stagione autunnale ha preso parte con due recitals al Festival Valentiniano di Orvieto e alla rassegna della Camerata Musicale Sulmonese nel programma concertistico 2006-2007. Nel 2007 ha eseguito il famoso concerto per arpa, flauto e orchestra K299 di W.A. Mozart. Ha preso parte come concertista alla rassegna dell’Emilia Romagna Festival. A luglio ha ottenuto il secondo premio alla prestigiosa Competizione Internazionale di Cardiff (Gran Bretagna). Il 1 e 2 dicembre si è esibita in 2 recitals al primo festival internazionale di Assisi.

 

Domenica, 21 marzo 2010, ore 17.30
Libreria Palazzo Roberti, Bassano, via J. Da Ponte
Sala degli Affreschi

LUCA CIVIDINO, violoncello
FRANCA BERTOLI CIVIDINO, pianoforte

       FRANZ SCHUBERT   Sonata “Arpeggione” 
       (1797-1828)
       ROBERT SCHUMANN  Fantasiestücke op.73 
       (1810-1856)
      
       FRYDERYK CHOPIN    Sonata in sol minore op.65
       (1810-1849)
       GASPAR CASSADÓ    Requiebros
       (1897-1966)

LUCA CIVIDINO, nato nel 1985, si è formato alla scuola di violoncello del prof. Ennio Francescato presso il Conservatorio di Musica “Jacopo Tomadini” diplomandosi nel 2004 con il massimo dei voti. Nel giugno 2005 ha conseguito la maturità magistrale presso il Liceo Psico-Pedagogico “C. Percoto” di Udine. Ha all’attivo diverse collaborazioni con orchestre internazionali. Ha partecipato a numerosi corsi d’interpretazione strumentale solistica e cameristica sia sotto la guida di Wolfgang Panhofer che di Michael Flaksman. Nel maggio 2003 è risultato vincitore del secondo premio al Concorso “Nuovi Orizzonti” ad Arezzo, ha partecipato al concorso violoncellistico Wettbewerb di Liezen nell’aprile 2006 e nell’ottobre del 2003 ha collaborato con la “Jeunesse-Orchester Alpe Adria” diretta per l’occasione dal maestro Wolfgang Czeipek. Attualmente è spalla dei violoncelli nell’ambito dell’orchestra interregionale “SFK”. Ha all’attivo la partecipazione alla realizzazione di due CD (“Concerti per viola d’amore” e “J.S.Bach 2000”) con l’Orchestra d’Archi “Piccola Accademia” sotto la guida del m° Alberto Vianello. Si è presentato in trio in compagnia del padre Ugo Cividino e della sorella Laura al Conservatorio (1996) ed all’università “Fonseca” (2006) di Salamanca (Spagna) e presso la fondazione Gulbenkian a Lisbona (2000) (Portogallo). Ha conseguito il diploma pedagogico d’educazione musicale Willems. Frequenta i corsi superiori presso il Conservatorio di Klagenfurt sotto la guida di Miloš Mlejnik. Attualmente si esibisce in formazione cameristica con l’“ISA Ensemble” insieme alla sorella Laura Cividino, Theresa Althuber e il violista Gregor Hrabar. Con questa formazione ha vinto il secondo premio, primo non assegnato, al concorso internazionale “Cameristi dell’Alpe Adria” 2008. Nell’ottobre 2006 è risultato finalista nelle audizioni per spalla con obbligo di terzo posto all’orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia con la quale collabora. Collabora da diversi anni anche con l’Accademia Naonis di Portogruaro ricoprendo anche il ruolo di Spalla. Nelle estati dal 2005 ad oggi ha rivestito il ruolo di insegnante nell’ambito dei corsi di musica da camera “Musicagiovani” a Majano. Dal febbraio 2009 segue i corsi di alto perfezionamento con il M° Enrico Bronzi all’Accademia Santa Cecilia di Portogruaro .
Suona un Chappuy del 1759 con arco di Emilio Slaviero del 2005.


FRANCA BERTOLI CIVIDINO, diplomatasi a Udine con la lode sotto la guida di Ugo Cividino, si è perfezionata a Trieste e a Salisburgo sotto la guida di Carlo Zecchi e a Vienna sotto la guida di Walter Panhofer, a Lyon con Peter Feuchtwanger, Jacques Chapuis e con Edith Picht Axenfeld. Parallelamente ad una intensa attività solistica si è dedicata alla collaborazione con gruppi cameristici di varia natura ed in particolare, a due pianoforti, dal 1980 in duo con Ugo Cividino. In tale formazione è stata ospite di numerosi Festival Internazionali e Organizzazioni Concertistiche e Culturali d’Europa tra cui: il Festival pianistico de “La Roque d’Anteron”, Wimbledon (Londra), Conservatoire Superieure de Musique di Lyon, Accademia di Musica di Zagreb, Accademia di Musica di Oslo, Conservatorio di Salamanca, Hochschule di Graz, Salzburg e Wien, Fondazione Gulbenkian di Lisbona, Matinée musicali di Palermo, l’ORF (Radio Austria) con un concerto a due pianoforti in diretta radiofonica, Radiotelevisione della Croazia a Zagabria (con due concerti integralmente ritrasmessi a distanza di poche ore dal momento dell’esecuzione ed un concerto televisivo).
Nel 1988 il duo ha realizzato ad Hannover un CD contenente musiche di B.Martinu e di J.Françaix (entrambe in prima registrazione mondiale) e Brahms. Sempre in duo ha partecipato alla realizzazione del CD “J.S.Bach” con la giovane orchestra Piccola Accademia incidendo il concerto in do minore per due pianoforti. Successivamente ha inciso tutta l’opera di F.Gaubert per flauto e pianoforte insieme con Claudio Montafia. È regolarmente presente con attività di perfezionamento in Austria, Francia, Spagna, Italia ed in alcuni Paesi dell’Est. È in fase di realizzazione un nuovo CD con musiche di Saint-Saëns, Grieg e Brahms.
Svolge un’appassionata attività nell’ambito della formazione dei docenti alla metodologia per l’educazione musicale di Edgar Willems dopo aver conseguito il Diploma Didattico Professionale Willems, titolo tuttora in possesso di sole cinque persone nel mondo. Dopo aver insegnato presso il Conservatorio di “Buzzolla” di Adria, dal 1983 è titolare di cattedra di pianoforte principale al Conservatorio “J.Tomadini” di Udine.